Opzioni acquisto

Capacità ml
  1. 25 (55)
  2. 50 (8)
  3. 540 (1)
  4. 100 (6)
  5. 810 (1)
  6. 250 (8)
  7. 500 (5)
  8. 1000 (7)
  9. 2000 (7)
  10. 3000 (2)
  11. 4000 (1)
  12. 5000 (2)
  13. 42740 (2)
  14. 5 (11)
  15. 10 (10)
  16. 10.000 (1)
  17. 20.000 (1)
  18. 15 (2)
  19. 20 (4)
  20. 1 (13)
  21. 2 (11)
  22. 3 (5)
  23. 120 (2)
  24. 1,5 (7)
  25. 2,5 (2)
  26. 0,5 (6)
  27. 1,25 (2)
  28. 5,0 (2)
  29. 12,5 (2)
  30. 4 (6)
Articoli aggiunti di recente
SHOPPING BAG
Non hai articoli nel carrello.
  azienda   contatti blog  
supporto tecnico e comerciale: 02.27.40.92.36
 
Colaver Strumentazione da Laboratorio e Chimica Online
Colaver Strumentazione da Laboratorio e Chimica Online

Senza categoria

  • Piridina

    La piridina è un eterociclo azotato aromatico a 6 termini con formula C5H5N appartenente al gruppo delle azine. Gli eterociclici sono dei composti ciclici in cui uno o più atomi dell'anello vengono sostituiti da un altro atomo, definito eteroatomo; la piridina ha un sistema ciclico a 6 elettroni π simile a quello del sistema benzenico con un'unica differenza che la densità elettronica è maggiore a livello dell'eteroatomo N. Questa caratteristica della piridina le conferisce una particolare reattività e delle diverse caratteristiche acido-base.

  • Anilina

    L'anilina è un composto aromatico di formula bruta C6H7N, altresì noto come fenilammina, benzenammina oppure amminobenzene. È classificato come un'ammina primaria la cui struttura è molto simile a quella del benzene, con la sola differenza relativa alla presenza di un gruppo NH2 al posto di un atomo H. A 21°C l'anilina è un liquido incolore. Questa sostanza tende a ossidarsi velocemente non appena viene messa a contatto con l'aria. Per questo viene conservata in alcuni contenitori ermetici.

  • Trementina

    Per trementina si intende una resina di tipo oleoso e fluido e volatile, dalla colorazione chiara quasi trasparente. Questa viene ottenuta grazie un processo di incisione dal tronco di particolari alberi come larici, pini, abeti.
  • Esano

    Con questo articolo vogliamo farvi conoscere una sostanza molto utilizzata ma poco conosciuta: l'Esano.

    Esano tossicità

    Esano è un solvente conosciuto per essere molto tossico e pericoloso. Viene utilizzato in laboratorio come solvente ma bisogna prendere molte precauzioni. Questo perché è molto irritante e tossico. Può causare danni al sistema nervoso e riproduttivo. Nonostante questo l'esano ha delle proprietà uniche e per questo viene molto utilizzato.

    Esano struttura

    esano strutturaLa definizione corretta dell'esano è quella di essere un alcano. Ma in sostanza si tratta di un carburante ed è uno dei componenti della comune benzina delle automobili:

    • esano
    • eptano
    • ottano

    Come si presenta l'Esano

    esano proprietà

    Il suo aspetto è quello di un liquido incolore con forte odore di benzina. Infatti è un suo importante costituente. Non può essere mescolato con acqua, cioè idrofobo e si tratta di un solvente altamente infiammabile. Un altra sua particolarità è di essere molto volatile, quindi di evaporare a temperature relativamente basse.

    Esano formula e proprietà

    esano formulaLa formula generica dell'Esano è C6H14 e possiede una particolare caratteristica elettromagnetica. Con la sua bassa permittività, contrasta l'intensità del campo elettrico al suo interno. Per questo motivo è un solvente utilizzato in certe reazioni.

    Esano a cosa serve

    Nell’industria petrolifera, uno degli elementi estratti dalla distillazione, è il n-esano. Da questo elemento, tramite il calore, vengono estratti:

    • metano
    • etilene
    • propene

    Anche per usi alimentari

    esano idrofoboUn altro utilizzo dell’Esano come solvente, è quello dell'estrazione dell'olio alimentare dai semi oleosi. Per le sue caratteristiche non è tossico per l'estratto lavorato e non corrode le apparecchiature di metallo.

    Esano protezione

    Come già anticipato, questa sostanza ha una famo poco raccomandabile, di essere molto pericolosa. Quando si opera in laboratorio è quindi necessario attrezzarsi con le protezioni adeguate. Colaver è specializzata nella vendita di prodotti per la sicurezza in laboratorio delle migliori marche. Vedi a questa pagina del catalogo.

    Protezione corpo

    Chi opera in laboratorio sa che per evitare di rovinare i vestiti o procurare danni con schizzi indesiderati, bisogna indossare il camice.

    Camice in Tyveck Pro-Tech

    Questo prodotto è indicato per proteggersi da sostanze corrosive e nocive di lieve entità. Si tratta comunque di una protezione parziale del corpo. D.P.I. di categoria I.

    Tute in Tyveck a protezione completa

    tuta in tyvekPer una sicurezza maggiore, si consiglia di utilizzare tute in Tyvek Pro-Tech, a protezione completa. Rispondono alle normative D.P.I. di III categoria Tipo 3-B -  Protezione completa NBC. Si tratta di tute dotate di cappuccio ed elastico ai polsi e caviglie. Il polimero sigilla i pori di Tyvek® rendendolo resistente al passaggio di particelle ed alla penetrazione da parte di molti liquidi, anche in condizioni di pressione considerevole.

    Protezione occhi

    Gli occhi e a testa sono le parti più esposte dell'operatore a rischio di contaminazione.

    Occhiali e maschere

    Occhiali protettivi e maschere a protezione del viso, sono disponibili per diversi livelli di corrosività delle sostanze.

    Maschere antigas

    Per protegge anche le vie respiratorie è indicato in certi casi anche l'uso di maschere dotate di filtri di diverse intensità.

    Protezione mani

    Se si deve operare fuori da una cappa è bene proteggere le mani con guanti adeguati.

    Guanti in nitrile o in neoprene

    I guanti di questi materiali sono antiscivolo ed esente da siliconi. Proteggono adeguatamente da una serie di agenti corrosivi. Rispondono alle Norme UNI-EN 388/374 D.P.I. III Categoria.

    Guanti in PVC

    guanti antiacidoIn alternativa si possono utilizzare anche guanti in PVC di forte spessore. Sono termoisolanti e con notevole resistenza all'abrasione. Palmo e dita ruvide. Rispondono alle norme UNI-EN 388/511-CE.

    Come ottenere l'esano

    Ottenere l'Esano non è un procedimento semplice. Bisogna partire dall'etere di petrolio che deve essere sottoposto a distillazione frazionata. Si deve raccogliere la parte che distilla tra i 65°C e i 70°C. Questo distillato deve essere mescolato con Acido solforico per 12 ore.

    Lavaggio e separazione

    A questo punto, con un imbuto separatore, bisogna lavare la sostanza con diversi passaggi:

    1. soluzione 0.3% di permanganato di potassio
    2. soluzione 10% di idrossido di sodio
    3. acqua distillata fino alla neutralizzazione

    La sostanza ottenuta deve essere asciugata su cloruro di calcio anidro e sottoposta ad una nuova distillazione frazionata. Con questo processo si ottiene finalmente l’Esano.

  • Chimica in laboratorio

    Chimica in laboratorio è il tema di queste pagine di approfondimento sulla chimica e sulle attrezzature necessarie a svolgere al meglio il lavoro in laboratorio. La chimica in laboratorio è l'attività di aziende dei più svariati settori oltre che dei migliori centri accademici italiani. Con questa sezione Colaver vuole offrire gli approfondimenti necessari a scegliere le migliori attrezzature per il laboratorio chimico.

    Continua a leggere
  • Phmetro

    Il phmetro - chiamato anche piaccametro - è l'apparecchio progettato per misurare il pH di un liquido. All'estremità è dotato di una sonda intercambiabile che consente di misurare il pH anche di campioni solidi e di altra natura. Continua a leggere

  • Distillazione e Separazione

    Distillazione e separazione possono essere sinonimi. È il processo che permette di separare i diversi componenti di una soluzione in base alla loro diversa volatilità. La volatilità è la tendenza ad evaporare di ogni composto. Le sostanze con un basso punto di ebollizione hanno un'alta volatilità. Continua a leggere

  • Solfato di sodio

    Il solfato di sodio è un minerale cristallino a forma di rombo. Si tratta di un sale sodico presente nell'acido solforico. In certi casi è chiamato anche thénardite. Continua a leggere

  • Pipetta graduata

    La pipetta graduata è lo strumento con cui si effettua il prelievo di una certa sostanza, misurata in un modo molto preciso, e la si distribuisce in una soluzione. Questo procedimento è detto anche pipettatura.
    La pipettatura è una attività che può essere anche ripetitiva per molte volte, ed il quantitativo deve essere sempre esattamente lo stesso.
    La quantità di liquido prelevato è detto volume e spesso è misurato in microlitri µl.
    Continua a leggere
  • Provette da laboratorio

    Le provette da laboratorio sono lo strumento indispensabile per raccogliere campioni destinati all'analisi e alle reazioni.

    Questo sembra semplice, in realtà la gestione del campione non è una cosa banale. Le provette devono avere le caratteristiche giuste per ottenere il risultato sperato. Continua a leggere

10 oggetto(i)